Attuale/Aktuell
Tanztherapie
Danzaterapia
Kurse-Workshops 2018
Stage Intensivo
Gest-Azione
Festival AssoliButoh
Performance
Metamorphosen 1
Orpheus Labyrinth
Metamorphosis
Labirinto di Orfeo
Licht und Schatten
Terra incognita
Le voci del bosco
Panni stesi
Partir italiano
Partir deutsch
CorpoMundi italian
CorpoMundi deutsch
Tracce italiano
Tracce deusch
Marea-Gezeiten
InCorpoRea
Notte bianca
Storia/Geschichte
Stampa/Presse
Links
Contatti/Kontakt
Impressum

Partir Partir Bisogna

Intorno alla guerra, all’esilio, alla migrazione

Terza parte della Trilogia dell´Ombra

Progetto per video corpo e musica

Video

Berlino 9. Dicembre 2005 ore 19.00 entrata libera

Stazione della metropolitana di Nollendorfplatz (spazio davanti al monumento ai caduti e nel monumento)

Chi ha nella valigia alcuni oggetti che lo hanno seguito nel suo viaggio, è pregato di portare la valigia e sé stesso e di raccontare.

 

Concetto e regia: Annalisa Maggiani

Video proiezioni: Mario Morleo

Danza e performer: Adalisa Menghini, Annalisa Maggiani, Francesca Patrone

Musica live per tre musicisti

Ospiti migranti ed esuli

 

Con il finanziamento del  Dezentrale Kulturarbeit des Bezirks Tempelhof- Schöneberg ed il patrocino del COMITES (Comitati italiani all’estero) con l’appoggio dell’Azienda di Trasporto Pubblico di Berlino (BVG) e di Tanzfabrik.

 

 

 

„infinite ombre si avvicendano tra le onde o nel deserto o fino al cielo, ombre di esuli, migranti, senza Terra, La Storia chiama a chiudere i confini ma altri 1000 se ne aprono...“

Happening e performance-installazione, questo spettacolo  nel metrò tra le rampe di scale che dividono il passaggio verso le diverse direzioni ed il monumento ai caduti, porta la tradizione italiana del teatro di strada affiancata da una più contemporanea arte della performance.

Una performance che ha per oggetto l’ombra, la parte in ombra della  civilizzazione, le maree di guerre e migrazioni, di esilii che formano nuove appartenenze.

La migrazione sia essa spinta da una ricerca individuale o da fattori economici ed oggettivi, porta a nuove domande e nuove appartenenze, alla nostalgia e al confronto tra la propria cultura e quella che ci ospita.

Con l’esilio ci si trova in un Non-luogo che diventa poi irrinunciabile nuova terra .

La vita umana è “denudata” e per questo cade in una nudità “tragica ed aurorale” .

Ci vogliamo confrontare con questi temi  di nuovo in un luogo pubblico, quotidiano, un luogo di passaggi, per questo evocativo: la metropolitana e in specifico intorno a quel punto in cui c’è un monumento in ricordo ai caduti della guerra.

Ogni danzatrice danzerà il proprio assolo di  migrazione, i linguaggi si confonderanno per differenziarsi, ognuna nella propria storia individuale.

Nella seconda parte anche il pubblico sarà coinvolto e sarà invitato a dare testimonianza della migrazione e/o esilio.

Ognuno con una valigia con gli oggetti che hanno seguito il suo  viaggio Contemporaneamente si aprirà la” stanza della memoria

…Il pubblico potrà entrare da una piccola fenditura della porta, clandestino…

Gest-Azione | info@gest-azione.de