Attuale/Aktuell
Tanztherapie
Danzaterapia
Kurse-Workshop 2018
Gest-Azione
Festival AssoliButoh
Performance
Persefone
Metamorphosen 1
Orpheus Labyrinth
Metamorphosis
Labirinto di Orfeo
Licht und Schatten
Terra incognita
Le voci del bosco
Panni stesi
Partir italiano
Partir deutsch
CorpoMundi italian
CorpoMundi deutsch
Tracce italiano
Tracce deusch
Marea-Gezeiten
InCorpoRea
Notte bianca
Storia/Geschichte
Stampa/Presse
Links
Contatti/Kontakt
Datenschutzerklärung
Impressum

PANNI STESI - “Frammenti di Performance”

di Annalisa Maggiani e Mario Morleo

Su lenzuola stese ad asciugare insieme a pelusche, mutande e sottoveste si proiettano frammenti di performance che hanno il sapore di sogni fatti e rimasti impregnati nelle lenzuola stese…

Terra incognita assolo installazione-performance (2003)

La pelle che segna il confine fra due mondi, passaggio per terre incognite, ogni volta cerchiamo di ri-conoscere o conoscere qualche cosa: il corpo ci porta messaggi infiniti, il corpo-messaggio, il corpo testimone dei passaggi, il corpo-frammento di terra incognita. In questa performance tappa finale dei progetti nei castelli, Annalisa Maggiani diventa spazio di proiezione, installazione vivente nel Castello di San Terenzo, il corpo prende le forme e i ritmi antichi della terra incognita da cui tutti proveniamo: la terra –madre.

InCorpoRea assolo installazione-performance (2004)

InCorpoRea: viaggio tra il corpo e il virtuale, viaggio in una terra incognita.La comunicazione nell´era del virtuale ed il corpo con le sue pulsazioni, sensazioni ed emozioni: si comunica via mail, un´altro corpo risponde, ma in quale tempo? Siamo nel presente o in eterno futuro? Quando si pensa di avere sfiorato la comunicazione svanisce, in CorpoRea...

Vagamundi (2001)

di Annalisa Maggiani  Musica: Fabrizio Puglisi  Videoarte: Mario Morleo

Le video proiezioni di questa performance sono state originate da un lavoro fatto nel Castello di Fosdinovo nel 2000: lavorando alla performance Butoh “Nel labirinto”con Yumiko Yoshioka, ci siamo interessate alla storia del luogo e ci hanno raccontato che in una stanza di quel castello alcune centinaia di anni fa una donna fu murata viva con il suo cagnolino ed un cinghiale, rea di essersi innamorata dell´uomo sbagliato. Come poter lavorare in un luogo con questa memoria? Dovevamo farcene carico, riprenderla e dare una forma, una visione all´orrore sofferto. “In una cantina del Castello di Fosdinovo allora ho sentito la solitudine e la disperazione e l´unica via di uscita é stata nella fantasia, rendermi piccola per volare fuori, andare nelle onde del mare e poi giocare con il fuoco ed i pianeti. Fantasie da “strega”, unico modo per sopravvivere nello spirito...” Annalisa Maggiani

 

Tracce (2005)

Ultima parte della performance “Tracce”, la videoproiezione della “donna ed il mare” é un insieme onirico in cui è forte il rapporto corpo-immagini video, in cui la virtualità della proiezione è a volte messa in discussione dal corpo che vive e si contorce dentro quelle immagini, come se fosse un ospite che riesce a trascinare nel corporeo anche il virtuale, quasi una lotta tra realtà e fantasia, corporeità e immagine bidimensionale: l’ombra, fuggevole ma concreta si sovrappone a volte creando in quell’istante il momento di unione di corpo ed immagine di Sè, una Traccia, l’attimo in cui come un fossile impresso nella pietra, tutto si fema e tace....

Partir Partir Bisogna- Berlino (2005)  Stazione della metropolitana di Nollendorfplatz

Happening e performance-installazione, questo spettacolo nel metrò e nel monumento ai caduti, porta la tradizione italiana del teatro di strada affiancata da una più contemporanea arte della performance. Una performance che ha per oggetto l’ombra, la parte in ombra della civilizzazione, le maree di guerre e migrazioni, di esilii che formano nuove appartenenze. La migrazione sia essa spinta da una ricerca individuale o da fattori economici ed oggettivi, porta a nuove domande e nuove appartenenze, alla nostalgia e al confronto tra la propria cultura e quella che ci ospita. Ogni danzatrice danza il prorio assolo di migrazione, i linguaggi si confondono per differenziarsi, ognuna nella propria storia individuale.  Nella seconda parte anche il pubblico é coinvolto ed é invitato a dare testimonianza della migrazione e/o esilio. Ognuno con la danza e la musica che ha seguito il suo viaggio. Contemporaneamente si apre la” stanza della memoria”…Il pubblico entra nella "stanza" monumento ai caduti dove si apre il piano "archetipico" con videoproiezioni sul "passare frontiere", e a chi entra viene dato un permesso di soggiorno, ognuno confrontato con il "passaggio" e la transitorietá.

 

Annalisa Maggiani

Danzatrice, performerin, laureta in Filosofia e Psicologia, DanzanMovimentoTerapeuta (Art Therapy Italiana), vive tra l´Italia e Berlino. Dal 1989 collabora in diversi progetti con la danzatrice e coreografa di danza Butoh Yumiko Yoshioka e dal 1996 danza nella sua compagnia Ten Pen Chii Art Labor ( Shloß Bröllin, Berlino). Svolge attività di ricerca nel campo della danza e della danzaterapia ( 1994 borsa di studio dal Ministero degli Affari Esteri per una ricerca sulle capacitá terapeutiche della danza di trance in Marocco -Gnawa, Essaouira). Lavora come danzamovimentoterapeuta in centri psichiatrici(Pisa, ASL5) e collabora con l’Università di Pisa nel Corso per Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica. Dirett. Art. di Gest-Azione, cura dal 2003 il Festival di Assoli ”La Danza di Confine” a Lerici (La Spezia). Con performance-Assolo insieme a musicisti jazz e artisti di arti visive partecipa a rassegne e Festival in italia ed Europa, prediligendo ambienti naturali e spazi “quotidiani” per le sue performance.1996-1998 protagonista nella serie televisiva DCTP (Germania) diretta da Alexander Kluge, “L´amore lungo i secoli”. A Berlino ha curato il concetto e la regia della Trilogia di Performance svoltesi nella Metropolitana di Nollendorfplatz (2003- 2005) sul tema Nostalgia, Appartenenza, Migrazione.

 Mario Morleo unisce nel suo lavoro la videoarte sperimentale e la documentazione: Kameramann e videoartista. -lavora come libero professionista con  diiverse reti televisive  nazionali in Germania, -ha documentato, filmando e facendo un film, le balene dell'oceano Atlantico con un gruppo di biologi dell'Università di Brema. -Direzione artistica del laboratorio video sulla Nave d'arte Kunst-Raum-Schiff MS Stubniz-Rostock. -collabora con il gruppo di artisti Fritz Deutschland-Events- Francoforte -collabora con compagnie di teatro danza per installazioni video e documentazione: Ten Pen Chii Art Labor, Ziguri Ego Zoo (Schloss Bröllin-Berlino)

 Per informazioni:

www.gest-azione.com

info@gest-azione.com

Gest-Azione | info@gest-azione.de