Attuale/Aktuell
Tanztherapie
Danzaterapia
Kurse-Workshop 2018
Gest-Azione
Festival AssoliButoh
Performance
Metamorphosen 1
Orpheus Labyrinth
Metamorphosis
Labirinto di Orfeo
Licht und Schatten
Terra incognita
Le voci del bosco
Panni stesi
Partir italiano
Partir deutsch
CorpoMundi italian
CorpoMundi deutsch
Tracce italiano
Tracce deusch
Marea-Gezeiten
InCorpoRea
Notte bianca
Storia/Geschichte
Stampa/Presse
Links
Contatti/Kontakt
Datenschutzerklärung
Impressum

LE VOCI  DEL BOSCO

Vi é mai capitato di perdervi nel bosco?

Performance per corpo e voce

 

Ideazione, danza e regia: Annalisa Maggiani - Gest/Azione

Voce e musica: Cristina Alioto

 

Al mattino il bosco si risveglia, ogni giorno nasce, sempre nuovo.

1000 esseri prendono forma….

Gli alberi sono luoghi di vita e case per ripararsi,

affondano nel terreno le loro radici e creano un labirinto sotterraneo,

Pollicino puó lasciare sassini per ritrovare la strada,

 si possono incontrare vecchie con gonne immense e lunghi bastoni…

Alla sera e nella notte il bosco si riempie di strani esseri, di voci e di ombre

I rami ci sfiorano nella corsa impazzita verso casa…

A volte si perde l´orientamento e ci si ritrova nel solito punto,

 a volte risate ci inseguono nella nostra ricerca del   sentiero,

 infine riprendiamo la  forza e con bastoni ci apriamo la strada,

 ritroviamo il cesto perduto e la stradina tracciata al mattino

 e poi possiamo allora incoronarci ed incoronare, al nostro ritorno…

A proposito, vi é mai capitato di perdervi nel bosco di notte?

 

E´ una performance sul perdersi e ritrovarsi, sul passaggio nella “selva oscura” . Metafora esistenziale del cammino che ci riserva sempre nuove prove e salite e cadute e ri-cadute e poi ampie radure in cui riposarsi, cosa nota ed esperita a chi era davvero vicino alla natura. La voce e  la musica di Cristina Alioto accompagnano questa avventura  La danza di Annalisa Maggiani  improntata sul Butoh  dará vita alle ombre nella notte come a Pollicino, soggetto ed oggetto  si intersecheranno in un gioco in cui infine il percorso ed il perdersi ed il ritrovarsi acquisteranno il loro senso.

Performance da adattarsi nei luoghi in cui si svolgerá, con elementi in continua trasformazione a seconda del luogo che la accoglierá.

Annalisa  Maggiani, danzatrice, performerin, DanzaMovimentoTerapeuta (Art Therapy italiana-APID), Art Psychoterapist (Goldmiths college, univ. di Londra), psicologa, laureata in filosofia, dirett. Art. di Gest/Azione, lavora in Centri Diurni psichiatrici (Pisa), in progetti sul disturbo dell´alimentazione e collabotra con  l´Universitá di Pisa nel corso per tecnici della riabilitazione psichiatrica.

Attrice e danzatrice della compagnia di teatro di strada „Chille de la balanza“ ha preso parte dal  1988 al 1995 a diverse produzioni in teatro (Roma, teatro Politecnico, Firenze, Pontassieve) ed in strade e piazze.

Con i propri Assoli  in collaborazione con musicisti Jazz ( Lauro Rossi, Fabrizio Puglisi) e videoartisti   ha partecipato a numerosi festivals In Italia e in Europa.

Dal 2003 ha cominciato una Trilogia- progetto- performance nella metropolitana di Berlino Nollendorfplatz che si é concluso  nel dicembre 2005 , sul tema della migrazione, dell’esilio e dell ´appartenenza.

Dal 2003 cura la Direzione Artistica del Festival di Assoli Butoh “la Danza di Confine”(Lerici-SP), arrivato alla 6° edizione.

Svolge attività di ricerca nel campo della danza e della danzaterapia (nel 1994 ottiene  dal  Ministero degli  Affari Esteri una borsa di studio per una ricerca sulle capacitá terapeutiche della danza di trance in Marocco -Gnawa, Essaouira)

Ha fatto parte della compagnia di danza Butoh  Ten Pen Chii Art Labor (Berlino) diretta da Yumiko Yoshioka ( 1996-2000), collabora con il cameraman e  videoartista Mario Morleo (Berlino).

Direz. artistica ed organizzatrice della “Trilogia del ritorno”, eventi-performance Butoh svoltisi  nei Castelli della provincia di Sp e Ms ( Catello di Lerici-1995-, Castello di Portovenere-1996-, Castello di Malgrate- 1997-); co-coreografa e danzatrice nel progetto “Labirinti”  (Castello di Aulla 1999 e Castello Malaspina Fosdinovo 2000-Festival Lunatica) insieme a Yumiko Yoshioka, l’artista di arti visive Joachim Manger e Mario Morleo.

1996-1998 protagonista nella serie televisiva DCTP (Germania) diretta da Alexander Kluge “L´amore lungo i secoli”.

 

 

 

Cristina Alioto

Cantante, musicista, ricercatrice della voce. Si é formata con il teatro della voce di Bologna col quale ha collaborato per diversi anni.

Attualmente fa parte dei seguenti progetti: Cronopius- Voci in azione, Voci di Cora, Ghost Five Sextet,

Les Anarchistes, Teatrino di Pedro Benje.

 

Gest-Azione | info@gest-azione.de